Anche i magazzini possono usufruire del "superbonus" 110%

L’Agenzia delle Entrate, nella risposta all’interpello 9 novembre 2020, n. 538, ha stabilito l’importante principio in

base al quale è possibile fruire del Superbonus al 110% anche per le unità non residenziali purché dal titolo

amministrativo risulti chiaramente che i lavori comporteranno anche un cambio di destinazione d’uso in abitativo.

Il caso.

Su una ex stalla utilizzata anche quale ricovero attrezzi e fienile (categoria catastale C/2) annessa a una cascina rurale,

il contribuente intende compiere entro fine 2021 tre tipologie di interventi:

a) lavori di ristrutturazione edilizia ex art. 3, co. 1, lett. d), D.P.R. 380/2001 per la realizzazione di un immobile destinato

ad abitazione;

b) interventi di riduzione del rischio sismico pari a due classi;

c) opere riconducibili al decoro urbano su un muro di pietra antico di cui è costituita la facciata esterna dell’edificio.

Per tali interventi ha presentato i seguenti titoli autorizzativi:

1. permesso di costruire per “Ristrutturazione ex art. 3, co. 1, lett. d), D.P.R. 380/2001 con cambio d’uso a fini

abitativi e miglioramento della classe di rischio sismico”;

2. asseverazione del professionista che effettua la progettazione strutturale prevista dal D.M. 28 febbraio 2017,

n. 58 da cui risulta che a seguito dell’intervento vi sarà la riduzione del rischio sismico dell’edificio pari a due

classi.

L’istante chiede:

1. se per l’intervento:

sub a) di ristrutturazione edilizia è possibile ottenere un’agevolazione pari al 50% (massimale spese 96 mila euro);

sub b) di sismabonus à è possibile ottenere un’agevolazione pari al 110% (massimale spese 96 mila euro);

sub c) di decoro urbano è possibile ottenere un’agevolazione pari al 90% (bonus facciate, senza limiti di spesa);

2. se, al posto della detrazione d’imposta, è possibile beneficiare per gli interventi sub a), b) e c) della cessione del

credito e dello sconto in fattura.

L'Agenzia risponde:

- il contribuente potrà avvalersi per le medesime spese, di una sola delle predette agevolazioni;

- dovranno essere distintamente contabilizzate le spese riferite ai diversi interventi;

- dovranno essere rispettati gli adempimenti specificamente previsti in relazione a ciascuna detrazione.

Rispettando tali requisiti, il contribuente ha diritto alle agevolazioni richieste e può procedere alla cessione del credito od allo sconto in fattura.


Post recenti

Mostra tutti

Superbonus 110% su un ex fienile

È di pochi giorni fa la risposta ad un Interpello presentato dal nostro Studio in tema di superbonus 110%. Il caso riguarda un contribuente che sta eseguendo lavori di demolizione e ricostruzione con

La Cassazione non pone limiti quantitativi al TFM

Con una recente sentenza, la Cassazione rende più agevole l’utilizzo del Tfm (trattamento di fine mandato) per la remunerazione dell’amministratore: nella sentenza n. 24848 del 6 novembre 2020 viene i

  • LinkedIn Icona sociale

© 2019 Studio Bampo P. iva 00060520251