Decreto "Antifrode" su Bonus Edilizi in vigore dal 12 novembre 2021

L’emersione di elevati importi di crediti inesistenti (la stampa specializzata riferisce oltre 800 milioni di euro di crediti), o crediti collegati a interventi “fantasma”, circolati sulla Piattaforma di cessione dei crediti dell’Agenzia delle Entrate, ha portato il Consiglio dei Ministri ad introdurre urgentemente misure antifrode mirate a:

- inasprire i controlli preventivi sulle comunicazioni di cessione/sconto in fattura dei bonus edilizi;

- estendere il visto di conformità in caso di fruizione diretta del superbonus 110% in dichiarazione dei redditi e in caso di cessione/sconto delle altre detrazioni fiscali per lavori edilizi e

- introdurre l’obbligo di asseverazione da parte del tecnico della congruità delle spese relative a tutti gli interventi edilizi cedibili ai sensi dell’art. 121, D.L. n. 34/2020, finora richiesto solo in caso di cessione del credito o sconto in fattura del superbonus 110%.

A tale scopo, dal 12 novembre (giorno successivo alla pubblicazione nella G.U. 11 novembre 2021, n. 269) è entrato in vigore il D.L. 11 novembre 2021, n. 157, cd. “Decreto controlli” o “Decreto antifrode”, che apporta rilevanti modifiche agli art. 119 e 121, D.L. n. 34/2020, aggiungendo inoltre, alla medesima norma, l’art. 122-bis in materia di controlli preventivi.

Pertanto, dal 12.11.2021, il D.L. 157/2021 impone l’asseverazione di congruità delle spese per la cessione del credito e lo sconto in fattura anche per tutti i bonus edilizi, ad eccezione di quelli con efficacia antisismica o di risparmio energetico.

Tale novità è già in vigore e non è chiara la sua applicabilità anche in via retroattiva (ovvero per le spese sostenute e per cui alla data del 12 novembre non si è provveduto ancora alla relativa comunicazione tramite l'apposito portale dell'Agenzia delle Entrate).

Oltre all’asseverazione, è previsto l’obbligo anche del visto di conformità dei dati e della documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti per la detrazione d’imposta sia in caso di cessione o sconto in fattura di tutte le detrazioni edilizie, sia di utilizzo diretto in dichiarazione del superbonus 110%.

L’unica deroga riguarda i casi in cui la dichiarazione è presentata direttamente dal contribuente all’Agenzia o tramite il sostituto d’imposta che presta l’assistenza fiscale.

Infine, per contrastare più attivamente le frodi nel settore, i soggetti obbligati agli adempimenti antiriciclaggio, che intervengono nelle cessioni comunicate all’Agenzia delle Entrate, non possono procedere all’acquisizione del credito quando ricorrono elementi di sospetto che obbligano alla segnalazione UIF.


Post recenti

Mostra tutti

Per i soggetti che non svolgono un’attività finanziaria, le polizze assicurative con scadenza o valori di riscatto esposti alle fluttuazioni del mercato devono essere oggetto di sterilizzazione ai fin